Close

Not a member yet? Register now and get started.

lock and key

Sign in to your account.

Account Login

Forgot your password?

Pec

Informativa, a cura di Sonia Dal Degan

La posta elettronica certificata (PEC) è un sistema di comunicazione simile alla posta elettronica standard che però in più ha caratteristiche di sicurezza e di certificazione della trasmissione. La PEC è quindi un nuovo sistema attraverso il quale è possibile inviare e-mail con valore legale equiparato ad una raccomandata con ricevuta di ritorno.
Tale valenza naturalmente è valida solo se il mittente e il destinatario hanno caselle di posta elettronica certificata. Se una delle caselle coinvolte nella trasmissione non è una PEC vengono a mancare alcuni elementi della certezza della comunicazione. Infatti in questo caso non viene fornita la ricevuta di avvenuta consegna.
Una volta inviato un messaggio tramite PEC ad un destinatario di PEC il provider certificherà al mittente prova della consegna con data e ora e del contenuto del messaggio.
Una volta ottenuta l’attestazione che il messaggio è stato consegnato all’indirizzo PEC la responsabilità per la mancata effettiva lettura del documento inviato ricade solo sul destinatario stesso. È consigliabile quindi aprire giornalmente la propria PEC.

“Si segnala quanto segue in merito all’adempimento PEC scaduto il 29 novembre 2009: gli iscritti in Albi o elenchi istituiti con legge dello Stato erano obbligato a dotarsi entro il 29 novembre 2009 di una casella di Posta Elettronica Certificata (PEC) o di altro analogo indirizzo e-mail basato su tecnologie che certificano la data e l’ora dell’invio e della ricezione, nonché l’integrità di quanto inviato (la certificazione dell’invio/ricezione mediante PEC è dotata di valore legale come la raccomandata postale).
Entro la stessa data, i professionisti interessati da tale provvedimento (architetti, avvocati, consulenti del lavoro, dottori commercialisti ed esperti contabili, geometri, infermieri, ingegneri, medici, ecc.), oltre ad aver acquisito un indirizzo PEC, avevano l’obbligo di comunicarlo ai rispettivi ordini o collegi di appartenenza.
A ridosso della scadenza molti erano i dubbi ed i chiarimenti attesi in merito all’attivazione della PEC ed alla gestione della stessa da parte dei Collegi/Ordini; ad oggi la Federazione ha confermato la scadenza dell’adempimento chiarendo tuttavia che si rimane in attesa di chiarimenti in merito alle modalità di tenuta e pubblicazione dell’elenco della PEC dei propri iscritti.
Si ricorda che non sono previste sanzioni a carico dei soggetti che attivino la casella Pec successivamente ala termine di cui sopra; si invitano, comunque, gli iscritti ad adeguarsi attivando la PEC e comunicandola al Collegio.”

Riferimento normativo: Sulla Gazzetta Ufficiale del 28 gennaio 2009 supplemento ordinario n. 14/L è stata pubblicata la legge 28 gennaio 2009, n. 2 sulle “Conversione in legge, con modificazioni, del decreto legge 29 novembre 2008, n. 185, recante misure urgenti per il sostegno a famiglie, lavoro, occupazione e impresa e per ridisegnare in funzione anti-crisi il quadro strategico nazionale”.
Comma 7: I professionisti iscritti in albi ed elenchi istituiti con legge dello Stato comunicano ai rispettivi ordini o collegi il proprio indirizzo di posta elettronica certificata o analogo indirizzo di posta elettronica di cui al comma 6 entro un anno dalla data di entrata in vigore del presente decreto. Gli ordini e i collegi pubblicano in un elenco riservato, consultabile in via telematica esclusivamente dalle pubbliche amministrazioni, i dati identificativi degli iscritti con il relativo indirizzo di posta elettronica certificata.